Il Salto della Quaglia
di Giovanni Lauricella
 
Home Page
 

 

La quaglia (coturnix coturnix) è un piccolo volatile con piume marrone chiaro, corpo tondeggiante e privo di coda.
E’ questo un uccello che ha caratteristiche notevolmente diverse dagli altri; tale diversità viene particolarmente in risalto in occasione della migrazione.
La migrazione della quaglia, infatti, avviene con modalità affatto differenti da quelle degli uccelli nobili: prima del viaggio le quaglie non hanno l'uso di raggrupparsi, e ciascuna si mette in cammino senza curarsi delle altre: solo per la breve traversata vera e propria si riuniscono in sparuti gruppi. Una volta poi giunte a destinazione, date le loro scarse capacità fisiche e cerebrali, si abbassano per precipitare, stremate, al suolo in una mortale stanchezza. Qui le povere creature giacciono come sbalordite e quasi incapaci di muoversi, e occorre parecchio tempo prima che riescano a mettere nuovamente in esercizio gli spossati muscoli: tant’è che – in genere – ciascuna cerca la sua salvezza correndo a cercarsi un rifugio, impossibilitata ad alzarsi nuovamente in volo. Ed è qui, dunque, che si manifesta la vera natura della quaglia: un essere che immagina di volare in alto, ma invero è costretto, per la sua infelice natura, a zampettare miseramente per terra, cercando rifugio nei pertugi più cupi che meglio si adattano alla sua inettitudine. Qui le quaglie sono destinate a sopravvivere a stento, saltando qua e là senza un preciso disegno: qualsiasi rifugio che la allontani dalla sua stessa inconcludente incertezza è buono per la quaglia; ma essa, purtroppo, arrivata a quella che ritiene essere la sua destinazione, non sa più volare e, dunque, non le resta che giocare la sua ultima carta: il salto della quaglia, appunto, che tuttavia, stante la sua goffaggine ed incapacità, non le servirà ad assicurarsi una esistenza dignitosa né a riscattarsi dal suo unico destino: soccombere, scomparendo a poco a poco dalle regioni nelle quali è giunta.
E’ evidente, allora, che la quaglia nulla ha di nobile e nessuna qualità possiede: non la prestanza fisica, non l’armoniosità dei movimenti, che anzi risultano tra i più goffi e inefficaci, non l’intelligenza, tant’è che la sua unica strategia è – appunto – il suo miserevole ed inutile salto da una tana all’altra, in una inconsapevole folle corsa verso il suo ineluttabile quanto disperato destino: essere costretta, per tentare di sopravvivere, a svolazzare rozzamente rasoterra, illudendosi di essere un’aquila.

Giovanni Lauricella

 

 

Sito ottimizzato per Internet Explorer 11.0 - Safari - Firefox - Google Crome - Opera
Risoluzione minima consigliata 1400 x 900 o superiore
Copyright © 2004-2018 GRUPPO AKS All right reserved. Thanks for your rispect.

Per richiedere informazioni, delucidazioni o semplici curiosità contattate:
SEGRETERIA OPERATIVA: carlo_pari@libero.it
SEGRETERIA PRESIDENZIALE:Presso Studio Legale Avv. Lauricella M° Giovanni - Forlì
Webmaster: Alessandro Minardi
alessandro@shotokaionline.com